Castelli scappa come un codardo

Dopo il fuggitivo Brunetta ecco un altro politico poco abituato ad essere trattato come lui e il suo partito ha trattato per anni tutti quelli che non la pensano come loro.
Dal partito de “ce l’abbiamo duro” al partito de “si è afflosciato e scappo” siamo all’epilogo della Lega “partito del territorio”.

Il metodo è sempre uguale: interrompere, dire cose che poco c’entrano, svalutare l’interlocutore e se questo però si ribella giustamente, levare le tende per evitare figuracce.
Castelli perché non te ne vai anche dalla scena politica tu e Brunetta? Ci fareste un piacere. Tornate al nord se tanto vi piace, ma restateci, smettetela di raccontare palle per 20 anni sulla Padania e poi prendere stipendio, pensione, benefit da parlamentare romano.

P.S. Castelli a Bologna la tangenziale NON si paga contrariamente a quello che pensi e dici (4m09s del video), ah ma è vero tu sei abituato a non pagare manco quella, perché è tutto spesato da Roma, la Roma che voi continuate a chiamare ladrona. Ma forse è vero a star con lo zoppo si impara a zoppicare.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *