Mestiere: sviluppatore web!


Da un po’ di tempo ho a che fare con italiani “smanettoni” che: o lavorano con me a Skype o che per via dei miei plug-in mi contattano.
Il peggio di queste persone devo dirlo… e’ proprio l’italiano.
Se si limitassero a parlare solo in inglese sarebbe gia’ una gran conquista, invece no, prendono parole inglesi e le italianizzano o ancora peggio le traducono dall’inglese all’italiano, sbagliando ovviamente.

Un esempio: sapete cos’e’ un “solid color“? Un colore a tinta unita. Ma se lo traducete a sentimento come lo direste? Colore solido. Ma se vi fermate un attimo a pensare: che MINCHIA e’ un colore solido? Non ha alcun senso.
Ancora, cosa vuol dire: “The font is italic“? Vuol dire il carattere e’ in corsivo… ma se siete creativi come queste persone qui potreste anche uscirne con il carattere e’ italico. Ora qualcuno mi spieghi cos’e’ un carattere italico per favore!
Ma ora vi allietero’ con una email che ho ricevuto pochi giorni fa, ecco un estratto (il grassetto e’ mio):

Ciao Marco,
son un developer italiano, lavoro molto su wordpress e sto provando ad utilizzare il tuo plugin installato come single site seppure su una installazione MS che contiene diversi domini.
Lavoro con la versione 2.0.0 su wordpress 3.0.1 su hosting linux con php5. Ho riscontrato alcuni problemi, mi domando se ne sei a conoscenza e se hai delle soluzioni in merito o se mi dovrò addentrare in alcune modifiche al codice.

Notare che deve subito specificare che e’ un duro e che se non gli risolvo il problema, beh deve farlo lui! Ma il meglio deve ancora arrivare:

Ho configurato la richiesta di password con conferma nel form di registrazione e l’invio di tutti i campi in mail, la mail di attivazione che viene inviata agli utenti rimanda a domain.tld/wp-activate.php con relativa chiave in get dove il sistema outputta una nuova password incurante di quella inputata in registrazione.

Ora ve la traduco perche’ secondo me pochi hanno capito visto l’italiano usato:

Ho abilitato la richiesta della password (con conferma) nel form di registrazione, con inclusi tutti i campi da inviare per email. (Punto! La frase e’ terminata!) La mail di attivazione che viene inviata agli utenti contiene un link (con relativa chiave come attributo) e anche una password diversa, incurante di quella immessa in fase di registrazione.

Meglio? Voglio dire va bene usare qualche parola inglese, non siamo ridicoli come i francesi o gli spagnoli, ma c’e’ un limite!
Bene per finire le risate… il problema dov’era? Nel mio codice? Ma noooo! Semplicemente non aveva installato correttamente il mio plug-in come da documentazione.
E a sto punto pero’ direte voi… avra’ fatto una donazione? Ma figurarsi!!! Lui e’ un duro. E’ uno sviluppatore web italiano.

Allora caro il mio sviluppatore web italiano che parla inglese perche’ e’ cool e che alle lezioni di punteggiatura e preposizione era purtroppo assente, beccati questo acronimo in inglese che e’ molto cool e fa proprio per te:
http://en.wikipedia.org/wiki/RTFM

2 thoughts on “Mestiere: sviluppatore web!”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *